LE CAPRESI CALZATURE yoox rosa Pelle wcVQk

SKU-74922-dfy179
LE CAPRESI CALZATURE yoox rosa Pelle wcVQk
LE CAPRESI CALZATURE yoox rosa Pelle wcVQk
Alexandre Birman gradient bow sandals Rosa amp; Viola twRksVx5
REEBOK Running Donna donna arancio/grigio quellogiusto marroni Sportivo dBsndv6ibu

"Le persone istupidiscono all'ingrosso, e rinsaviscono al dettaglio" (W. Szymborska)

17 settembre 2012
tags: differenziazione di genere , BAMS CALZATURE yoox viola Pelle iGT4C2
, Nike Air Foamposite One amazonshoes bianco Glamour U6n1L
, ASOS STARLING Scarpe con tacco a punta con pianta larga Beige asos Jeans dzsUm
, Sesso e Temperamento
by Laura Capuzzo

Il libro di Margaret Mead, “ Sesso e Temperamento ” (titolo orginale Sex and Temperament , 1930) rappresenta una pietra miliare all’interno della letteratura relativa agli studi di genere. Suo malgrado, potremo dire, dato che il libro nasce come risultato di una ricerca di carattere ento-antropologico su tre gruppi di popolazioni “primitive” della Nuova Guinea. Diviene un testo di “gender studies” e in senso ampio di femminismo a causa dei risultati a cui perviene la Mead nella sua ricerca. La studiosa si occupa di illustrare come vengono considerate le differenze di genere e i ruoli sessuali in relazione a queste tre popolazioni non occidentali. Alla differenziazione biologica tra maschi e femmine corrisponde una differenziazione anche di ruoli all’interno della società? E nel caso in cui ciò avvenga le differenze sono uguali a quelle che possiamo rilevare nella società occidentale?

Siamo di certo di fronte ad un’opera un po’ datata, ma dando un’occhiata alle ultime discussioni in merito al presunto innatismo di qualità femminili e maschili questo testo risulta più che mai attuale.

Il confronto con delle forme di civiltà diverse dalla nostra permette alla studiosa di mostrare come non solo la differenziazione dei ruoli sessuali sia un fatto prettamente culturale, ma anche come i caratteri che vengono iscritti quasi biologicamente agli uomini e alle donne nella nostra società siano arbitrari e soggetti a mutamento. Attraverso il confronto con altre civiltà il nostro sguardo si esteriorizza e siamo quindi capaci di ragionare su quei caratteri maschili e femminili che la nostra società attribuisce a uomini e donne come parte del loro portato biologico.

Lo studio di queste tre società “primitive” della Nuova Guinea (gli Arapesh, i Mundumugor e i Ciambuli) mostra come in ognuna di esse il rapporto , la concezione dei ruoli e i caratteri attribuiti ai generi siano diversi. Nelle prime due società per esempio non c’è quella che possiamo definire “differenziazione di genere”; uomini e donne si comportano nello stesso modo, gli Arapesh sia uomini che donne sono pacifici, gentili, remissivi e materni, e questi caratteri, che nella nostra società sono considerati “femminili”, sono appannaggio di ambo i sessi. Al contrario nella società dei Mundumugor, vengono esaltate quelle caratteristiche che noi considereremo prettamente maschili, quali l’aggressività, l’individualità, l’audacia, la capacità di emergere. Anche qui sia per gli uomini che per le donne. Nella società Mundumugor una donna mite, dolce, materna viene considerata una eccezione negativa, che la Mead definisce personalità “aberrante” perchè come per altri casi, si tratta di una mancanza di adeguamento al modello imposto dalla società che comporta spesso lo stigma della comunità in cui si vive. Tale mancanza di adeguamento deriva proprio dalla presenza di un temperamento molto diverso, se non opposto a quello che la società di provenienza riterrebbe giusto per quella persona.

www.italiani.it

itBuenosAires

Di Vitellino bidonfashion neri Pelle bn8WXq1AzY
Pubblicato il
Vuoi essere il primo ad aggiungere delle Foto? Aggiungi
Twitter Google+

Obras maestras del Renacimiento al Romanticismo ” è il nome dato alla mostra della selezione di opere delle collezioni del Museo di Belle Arti di Budapest e della Galleria Nazionale di Ungheria, istallata nel Museo Nacional de Bellas Artes di Buenos Aires, visitabile fino al 29 luglio di questo anno. Tra le opere esposte all’interno del museo di Recoleta , molte sono le opere italiane di maestri di indiscussa fama.

Obras maestras del Renacimiento al Romanticismo

Per conoscere più da vicino la mostra e più in generale il contributo italiano nella composizione della collezione permanente del museo, abbiamo avuto il piacere e l’onore di intervistare il suo Direttore Andrés Duprat .

Andrés Duprat

Andrés Duprat, direttore del Museo de Bellas Artes di Buenos Aires . Architetto, curatore di molte mostre in Argentina e all’estero, creatore dello spazio d’arte “La casa” di Bahía Blanca, già direttore del Museo de Bellas Artes e del Museo de Arte Contemporáneo di Bahía Blanca. Dal 2005 al 2015 direttore di Artes Visuales del Ministero della Cultura. Sceneggiatore cinematografico, pluripremiato per il lungometraggio “ ” diretto da Mariano Cohn e dal fratello Gastón Duprat. Photo credit Dante Aloisi

L’arrivo dell’esposizione del Alice scarpe con tacco largo sottile fascia trasparente e cinghiette incrociate boohoo bianco Floreale Kj3Fg8OmBs
nel nostro museo è un evento un po’ fortuito nella sua origine. Sugli edifici del museo ungherese si è resa necessaria un’importante opera di ristrutturazione e i lavori termineranno nell’ottobre di quest’anno. In previsione di questa ristrutturazione, la direzione del museo aveva messo a disposizione parte del suo patrimonio di opere per allestire presentazioni all’estero. Di fatto, mostre in tal senso, sono state già presentate nel Palazzo Reale di Milano , nella Royal Accademy of Art di Londra , nel Musee du Luxembourg di Parigi e nel museo Thyssen-Bornemisza di Madrid . Proprio durante un viaggio a Madrid, ho avuto l’occasione di vedere la mostra. Mi è piaciuta moltissimo e mi sono subito attivato per prendere contatti con la direzione ungherese. Essendoci ancora tempo fino alla riconsegna dei locali espositivi della capitale magiara ed avendo incontrato la volontà di esporre qui in Argentina , abbiamo potuto aggiungere le date della presentazione nel nostro museo , che saranno le ultime prima del rientro in patria delle opere.

Azienda

Servizi

Be Social

AVM S.p.A. – Azienda Veneziana della Mobilità, soggetta alla direzione e coordinamento del Comune di Venezia Sede Legale Isola Nova del Tronchetto, 33 – 30135 VENEZIA. Registro delle Imprese di Venezia, C.F. e P.I. 03096680271 REA VE-246771 – Capitale Sociale € 85.549.237,90 i.v., Tel. + 39 041 27 22 111, Fax + 39 041 27 22 098. E–MAIL: avm@avmspa.it, PEC: avmspa@pec.avmspa.it Per informazioni: Call Center Hellovenezia 041.24.24